Torna alla pagina precedente...
 

Rassegna Stampa - Bari


2 giugno 2013

AVVENIRE – Pagina speciale “Il Decalogo, rotta sicura nella crisi”

11 giugno 2013

IL CORRIERE DI PUGLIA E LUCANIA – 10 Piazze per 10 Comandamenti a Bari

Bari, – Domani, mercoledì 12 giugno, alle ore 12, nella sala giunta di Palazzo di Città, avrà luogo la conferenza stampa di presentazione di “10 Piazze per 10 Comandamenti”, l’iniziativa itinerante promossa dal movimento ecclesiale Rinnovamento nello Spirito Santo in collaborazione con il Pontificio Consiglio per la Promozione della Nuova Evangelizzazione, sotto l’egida della CEI. L’evento farà tappa a Bari, in piazza della Libertà, sabato 15 giugno, e sarà dedicato al VI Comandamento “Non commettere atti impuri”.

Il programma dettagliato e il senso della manifestazione, che riporta al centro dei dibattiti cittadini italiani i Dieci Comandamenti, saranno illustrati dal presidente nazionale del Rinnovamento nello Spirito, Santo Salvatore Martinez, alla presenza dell’ arcivescovo della diocesi di Bari-Bitonto, Mons. Francesco Cacucci ,e del vice sindaco del Comune di Bari Alfonso Pisicchio. Modererà don Carlo Cinquepalmi, direttore dell’Ufficio Comunicazioni sociali della diocesi di Bari-Bitonto.

12 giugno 2013

SIR–Nuova Evangelizzazione: RnS, 10 piazze per 10 Comandamenti arriva a Bari

“Vogliamo andare oltre il significato letterale del testo per spiegare che commettere atti impuri non significa parlare della fedeltà coniugale ma vedere in modo più preciso l’uso impuro e improprio del corpo, perché questo comandamento si estende a quelle prassi improprie che vedono la degenerazione e lo sfruttamento del corpo, richiamando temi come la pedofilia, il femminicidio, la tratta delle persone”. Lo ha detto questa mattina a Bari Salvatore Martinez, presidente di Rinnovamento nello Spirito Santo (RnS), che ha presentato la tappa barese di “10 Piazze per 10 Comandamenti, un progetto del RnS, in collaborazione con il Pontificio Consiglio per la promozione della nuova evangelizzazione, sotto l’egida della Conferenza episcopale italiana. L’incontro si terrà in piazza della Libertà, dalle 20.30, attorno al VI Comandamento “Non commettere atti impuri”. Interverranno, tra gli altri, Giovanni Paolo Ramonda, presidente dell’Associazione Papa Giovanni XXIII, don Fortunato Di Noto, fondatore dell’Associazione Meter, il sindaco di Bari, Michele Emiliano, e l’arcivescovo di Bari-Bitonto, mons. Francesco Cacucci, che partecipando alla conferenza stampa ha commentato: “Il cristianesimo è la religione del corpo” e “la dimostrazione fondamentale di questo è l’Eucaristia, in cui adoriamo il corpo di Cristo”.

LA GAZZETTA DEL MEZZOGIORNO – I cattolici in piazza per vietare gli atti impuri

Una piazza italiana per ciascun comandamento. Sabato approda a Bari l'iniziativa di Rinnovamentonello spirito santo, con piazza Prefettura destinata ad essere lo scenario per una giornata dedicata al sesto comandamento ovvero «non commettere atti impuri». La scelta relativa al capoluogo non è certo casuale, ma partorita proprio nei giorni in cui Bari svelò al Paese l'esistenza del caso D'Addario, quale ultimo atto di altri scandali a sfondo sessuale che coinvolgeva anche i massimi livelli della classe dirigente nazionale (dall'assessore regionale Frisullo al premier Berlusconi). Avvenimenti la cui diabolica contemporaneità deve aver trasformato, nell'immaginario collettivo, la città di san Nicola in una moderna Sodoma. Ci saranno anche mons. Cacucci e il sindaco Emiliano, in una giornata che alternerà momenti di fede e di riflessione ad altri si svago e divertimento, chiamando a raccolta la gente comune e i protagonisti della cultura, dello spettacolo e dell'associazionismo cittadino. Al centro del dibattito il corpo umano, violato nella sua dignità e sacralità dagli odiosi fenomeni in crescita come femminicidio, pedofilia e prostituzione. Argomenti che si rivelano quanto mai attuali proprio nel giorno in cui Papa Francesco denuncia l'esistenza di una lobby a sfondo sessuale all'interno del Vaticano. D'altronde chi è senza peccato, scagli la prima pietra.

GO BARI.IT – I Comandamenti in piazza, Papa Francesco: “Una strada di libertà”

13 giugno 2013

AVVENIRE–Comandamenti in piazza. Quinta tappa a Bari

sabato Tratta delle donne, femminicidio, pedofilia: a tema "Non commettere atti impuri"

ratta delle donne e dei bambini, pedofilia, femminicidio saranno i temi principali della quinta tappa di "10 Piazze per 10 Comandamenti", il progetto che Rinnovamento nello Spirito Santo, in collaborazione con il Pontificio Consiglio per la nuova evangelizzazione e la Conferenza episcopale italiana, sta portando nelle piazze italiane. Dopo Roma, Verona, Napoli e Milano, sabato prossimo 15 giugno, appuntamento in piazza della Libertà a Bari a partire dalle 20.30. Al centro dell'incontro una riflessione sul VI Comandamento "Non commettere atti impuri". Si ritroveranno, tra gli altri, Salvatore Martinez, presidente di Rinnovamento nello Spirito, Francesco Cacucci, arcivescovo di Bari-Bitonto, Giovanni Paolo Ramonda, presidente dell'associazione Papa Giovanni XXIII, don Fortunato Di Noto, fondatore della associazione Meter, e il sindaco di Bari, Michele Emiliano. Alla serata di riflessione, preghiera e festa parteciperanno, inoltre, personaggi della cultura e dello spettacolo. "10 Piazze per 10 Comandamenti" è il tentativo di «far dialogare Chiesa, Stato e società civile su ciò che può unire credenti, quasi credenti e non credenti attorno a una piattaforma valoriale», ha detto Martinez, presentando ieri a Bari l'appuntamento di sabato prossimo. Atti impuri, ha spiegato, non sono soltanto quelli contro la fedeltà coniugale ma soprattutto quelli che permettono un «uso impuro e improprio del corpo» e che sfociano nella «degenerazione» e nello «sfruttamento del corpo». «Il cristianesimo è la religione del corpo» perché «Dio si è addirittura incarnato e quindi il corpo è una cosa bella» o come dice la Genesi «una cosa molto buona», ha spiegato l'arcivescovo Cacucci. «Questo - ha proseguito - dovrebbe aiutarci a eliminare» quella visione «invalsa nella cultura circa un pessimismo del cristianesimo relativamente al corpo». Cacucci ha, infine, collegato la piazza di sabato prossimo con quella del Congresso eucaristico nazionale che si tenne a Bari nel 2005: «La dimostrazione della bontà del corpo sta nell'eucaristia, in cui adoriamo il corpo di Cristo».

CORRIERE DEL MEZZOGIORNO - Comandamenti in piazza, Bari rilegge il sesto

L'incontro Sabato tappa pugliese della manifestazione di «Rinnovamento nello spirito santo». Si mediterà su «Non commettere atti impuri»

BARI - Gli organizzatori assicurano che non c'è nessuna intenzionalità nella scelta. Ma inevitabilmente che tra i dieci comandamenti, a Bari - città degli scandali a sfondo sessuale che hanno coinvolto politici di primissimo piano - l'associazione Rinnovamento nello spirito celebri proprio il sesto, «Non commettere atti impuri», provoca qualche sospetto. Forse perché, come ha ricordato a tutti l'arcivescovo di Bari, monsignor Francesco Cacucci, presentando l'iniziativa, molti non sanno o non ricordano che «il cristianesimo è la religione del corpo», che insomma l'iniziativa in programma per sabato 15 giugno in piazza Libertà ha obiettivi di riflessione ben più ampia rispetto alla eventuale condanna di condotte personali. «Dieci piazze per dieci comandamenti» è l'iniziativa itinerante che Rinnovamento nello spirito santo, movimento ecclesiale che appartiene alla corrente spirituale del rinnovamento carismatico e conta 200 mila aderenti, ha organizzato per celebrare i suoi 40 anni e dare un'occasione di riflessione. Le prime quattro tappe sono state Roma, Verona, Napoli e Milano. Nel capoluogo lombardo, una settimana fa, piazza Duomo è stata raggiunta da circa diecimila persone interessate alla discussione sul terzo comandamento, ricordati di santificare le feste. Il format, sempre lo stesso, prevede il coinvolgimento di personalità famose provenienti dall'Italia o dall'estero ; momenti dedicati alla musica, alla danza, l'annuncio del comandamento, le riflessioni sul tema, la lettura di brani ispirati ai singoli comandamenti. A chiudere, il messaggio video di papa Francesco e quello dell'arcivescovo. Gli ospiti per la serata barese, che inizierà alle 20 e 30 e si concluderà due ore dopo, sono Alessandro Meluzzi, don Fortunato Di Noto, Paolo Brosio, Remo Girone, Giovanni Paolo Ramonda, Clauda Koll e Annalisa Minetti. «La chiamata a riversarsi in piazza - spiega il presidente di Rinnovamento nello Spirito Santo, Salvatore Martinez - non è teso a una protesta ma alla proposta. La proposta di stili di vita attuali, moderni. E autentici. Chiediamo e ci aspettiamo il contributo di uomini e donne di pensiero che vogliano cogliere il carattere di profezia sociale, culturale, morale che è racchiusa nei dieci comandamenti». La manifestazione di sabato prossimo, quindi, non sarà dedicata a riflettere soltanto sull'adulterio. «Non ci fermiamo alla lettera - spiega Martinez - ma parliamo di uso improprio del corpo, di sfruttamento, di pedofilia, tratta, femminicidio». Monsignor Cacucci pone l'accento anche su un altro aspetto, quanto mai attuale. «Intorno al fenomeno della pubblicità che sfrutta il corpo femminile c'è spesso un silenzio sospetto. Come se parlare di questo tema fosse da bacchettoni. Parlarne, invece, opporsi a questa forma di esaltazione del corpo femminile, dietro la quale in realtà si nasconde un uso strumentale, significa difendere la dignità umana. Una difesa che non interessa la sola morale cristiana, ma che dovrebbe essere un impegno etico, di tutti». La manifestazione di piazza Libertà sarà trasmetta in diretta su Tv sat 2000. Il progetto è patrocinato dal Pontificio Consiglio per la promozione della nuova evangelizzazione, sotto l'egida della Conferenza episcopale italiana, alla vigilia del sinodo speciale sulla nuova evangelizzazione, indetto da papa Benedetto XVI. Dopo Bari, la manifestazione toccherà Genova sabato 22, per il settimo comandamento, Non rubare, Cagliari, Firenze, Palermo e Bologna. A margine della conferenza stampa, don Carlo Cinquepalmi, direttore dell'ufficio di comunicazioni sociali della diocesi, ha annunciato che l'arcivescovo di Bari è stato confermato alla guida della Conferenza episcopale pugliese per altri cinque anni. Ad. Lo.

LA REPUBBLICA – Sabato “Comandamenti in piazza”

L'iniziativa

'NON commettere atti impuri' è il VI comandamento che farà tappa a Bari per 'Dieci piazze per 10 comandamenti' il tour nazionale di 'Rinnovamento nello Spirito Santo'. L'appuntamento è per sabato alle 20,30 in piazza Prefettura per una serata di riflessione sul tema del corpo, oggetto di maltrattamenti e legato a reati come il femminicidio, la prostituzione e la pedofilia. Dalle 5 di domani divieto di sosta nelle strade circostanti il Comune e la Prefettura, mentre dalle 15,30 di sabato sarà chiuso alle auto corso Vittorio Emanuele tra via Cairoli e via Andrea da Bari.

GIORNALE DI PUGLIA – Dieci Piazze per Dieci Comandamenti farà tappa a Bari il 15 giugno

di Nicola Zuccaro - La piazza da luogo di protesta a luogo di proposta per riscoprire e per rilanciare quel dialogo che un tempo legava quasi indissolubilmente la Chiesa allo Stato e alla società italiana riscoprendo attraverso i 10 comandamenti.

Si presenta principalmente così la tappa barese di "10 Piazze per 10 Comandamenti ", un progetto del Rinnovamento dello Spirito Santo in collaborazione con il Pontificio Consiglio per la Promozione della nuova evangelizzazione che, sotto l'egida della Cei proporrà, Sabato 15 Giugno, dalle 20.30 alle 22.30 la rilettura del VI Comandamento "Non commettere atti impuri" nella location allestita in Piazza della Libertà.

L'abbinamento a ciascuna città di uno dei 10 comandamenti non è una scelta mirata ma casuale perchè viene data la priorità al valore sociale prima ancora che teologico. E' quanto precisato in apertura nel corso della conferenza stampa di presentazione dell'evento da Don Carlo Cinquepalmi, direttore dell'Ufficio Comunicazioni Sociali della Diocesi Bari - Bitonto.

E' stata l'occasione presso la Sala Giunta in Palazzo di Città per una riflessione condotta da S.E. Mons.Francesco Cacucci sul valore del corpo e per tracciare un bilancio dei 40 anni dell'opera di evangelizzazione di Rinnovamento dello Spirito.

Su quest'ultimo aspetto - sollecitato dal nostro giornale sulle differenze riscontrate fra le Città del Nord e quelle del Sud Italia - si è espresso il Dott. Salvatore Martinez. Per il Presidente Nazionale del Movimento sono emerse delle profonde diversità poichè ad un Nord laico ed evoluto si è opposto, lungo questi 40 anni un Sud che, per pur comprendendo povertà, degrado ed emarginazione non è stato, però, meno generoso sotto il profilo della solidarietà e della fede.

Valori che esaltano - ha concluso Martinez - il Sud del Mondo in vista di un appuntamento che, forte delle 50mila presenze rilevate Sabato 8 Giugno a Milano vedrà la partecipazione di testimoni del mondo della musica e dello spettacolo il cui elenco è consultabile sul sito ufficiale www.diecipiazze.it.

14 giugno 2013

ZENIT–10 Piazze per 10 Comandamenti domani a Bari

Nuovo appuntamento dell'iniziativa del Rinnovamento nello Spirito, domani sera alle 20.30, in Piazza della Libertà, sul IV Comandamento "Non commettere atti impuri"

ROMA-  10 Piazze per 10 Comandamenti sarà, domani 15 giugno 2013, ore 20.30, a Bari, in piazza della Libertà, con il VI Comandamento: “Non commettere atti impuri”.

Un momento di festa, di coinvolgimento popolare, di creatività e di testimonianza di fede, uno spettacolo che sarà trasmesso in diretta su TV2000 dalle ore 20.30 e condotto da Lorena Bianchetti. Intervengono: mons. Francesco Cacucci, arcivescovo della diocesi di Bari-Bitonto; Michele Emiliano, sindaco di Bari; Salvatore Martinez, presidente nazionale del Rinnovamento nello Spirito; Remo Girone, attore, Alessandro Meluzzi, psichiatra; Claudia Koll, attrice; Annalisa Minetti, cantante; Paolo Brosio, giornalista e conduttore televisivo; Giovanni Paolo Ramonda, presidente Associazione Papa Giovanni XXIII; don Fortunato Di Noto, fondatore Associazione Meter; la band DieciperDieci RnS e altri ospiti e testimoni.

Papa Francesco ha registrato un video messaggio ad hoca sostegno del progetto 10 Piazze per 10 Comandamenti. Sarà proiettato a Bari nel corso della serata unitamente al video messaggio di mons. Rino Fisichella, presidente del Dicastero per la Promozione della Nuova Evangelizzazione.

Il presidente Martinez da dichiarato: «Un comandamento scomodo, quello che “andrà in scena” a Bari, eppure di straordinaria attualità. Nel significato letterale e corrente, sembrerebbe dire soltanto “non commettere adulterio e non fornicare”; in realtà, l’uso “impuro del corpo” si estende anche a quelle prassi improprie che degenerano spesso in vere piaghe sociali, quali la prostituzione, la pedofilia, il femminicidio, la tratta delle persone, l’affamare i corpi degli ultimi del mondo. Come nelle tappe di Roma, Napoli, Verona e Milano, sarà un’altra grande occasione d’incontro tra credenti, “quasi credenti” e coloro che dicono di non credere, ai quali certamente non sfuggirà che molti di questi Comandamenti, se non osservati, non sono solo “peccati” che violano la legge di Dio, ma “reati” che violano le leggi dello Stato e denigrano la dignità integrale e trascendente dell’uomo».

10 Piazze per 10 Comandamenti è un progetto del Rinnovamento nello Spirito Santo in collaborazione con il Pontificio Consiglio per la Promozione della Nuova Evangelizzazione, sotto l’egida della CEI.

È una “rilettura” dei Dieci Comandamenti, inaugurata alla viglia del Sinodo sulla Nuova Evangelizzazione e dell’Anno della Fede indetto da Benedetto XVI, che nelle piazze di Roma, Napoli e Verona (settembre 2012) ha visto la partecipazione di circa 50.000 persone e numerosi testimoni del mondo dello spettacolo, della cultura, dello sport, del giornalismo, della musica.

Grande successo alla ripresa a Milano lo scorso 8 giugno: più di 10.000 persone hanno partecipato alla kermesse dedicata al III Comandamento “Ricordati di santificare le feste” in piazza del Duomo. La diretta su TV2000, ha fatto registrare un totale di 1.200.000 contatti televisivi; molto seguita, in diretta streaming, la trasmissione su www.famigliacristiana.it.

Dopo la tappa di Bari, l’iniziativa proseguirà da giugno a ottobre nelle piazze di Genova, Cagliari, Firenze, Palermo, Bologna, Torino.

Per maggiori informazioni: www.diecipiazze.it

LA PERFETTA LETIZIA - 10 Piazze per 10 Comandamenti domani a Bari

Un momento di festa, di coinvolgimento popolare, di creatività e di testimonianza di fede, uno spettacolo che sarà trasmesso in diretta su TV2000 dalle ore 20.30 e condotto da Lorena Bianchetti. Intervengono: mons. Francesco Cacucci, arcivescovo della diocesi di Bari-Bitonto; Michele Emiliano, sindaco di Bari; Salvatore Martinez, presidente nazionale del Rinnovamento nello Spirito; Remo Girone, attore, Alessandro Meluzzi, psichiatra; Claudia Koll, attrice; Annalisa Minetti, cantante; Paolo Brosio, giornalista e conduttore televisivo; Giovanni Paolo Ramonda, presidente Associazione Papa Giovanni XXIII; don Fortunato Di Noto, fondatore Associazione Meter; la band DieciperDieci RnS e altri ospiti e testimoni.

«Un comandamento scomodo, - ha dichiarato il presidente Martinez - quello che “andrà in scena” a Bari, eppure di straordinaria attualità. Nel significato letterale e corrente, sembrerebbe dire soltanto “non commettere adulterio e non fornicare”; in realtà, l’uso “impuro del corpo” si estende anche a quelle prassi improprie che degenerano spesso in vere piaghe sociali, quali la prostituzione, la pedofilia, il femminicidio, la tratta delle persone, l’affamare i corpi degli ultimi del mondo. Come nelle tappe di Roma, Napoli, Verona e Milano, sarà un’altra grande occasione d’incontro tra credenti, “quasi credenti” e coloro che dicono di non credere, ai quali certamente non sfuggirà che molti di questi Comandamenti, se non osservati, non sono solo “peccati” che violano la legge di Dio, ma “reati” che violano le leggi dello Stato e denigrano la dignità integrale e trascendente dell’uomo».

GIORNALE DI PUGLIA – Bari: domani Emiliano a “10 Piazze per 10 Comandamenti”

BARI - Domani, sabato 15 giugno, il sindaco Michele Emiliano parteciperà a 10 Piazze per 10 Comandamenti, l’evento nazionale itinerante che dopo Milano fa tappa a Bari, in piazza  Libertà, con la rilettura del VI comandamento “Non commettere atti impuri”.L’iniziativa, intende proporre un momento di festa, di coinvolgimento popolare, di spettacolo e di testimonianza di fede. Al centro della serata l’approfondimento di temi emergenti, in cui il corpo è fatto oggetto di “atti impuri” come il  femminicidio, la pedofilia e la prostituzione.

Nella piazza di Bari, a partire dalle ore 20.30, nel corso dello spettacolo condotto da Lorena Bianchetti parteciperanno: mons. Francesco Cacucci, arcivescovo della diocesi di Bari-Bitonto; Salvatore Martinez, presidente nazionale del Rinnovamento nello Spirito; gli attori Remo Girone e Claudia Koll; la cantante Annalisa Minetti, lo psichiatra Alessandro Meluzzi, il giornalista Paolo Brosio, Giovanni Paolo Ramonda, presidente dell’associazione Papa Giovanni XXIII, don Fortunato Di Noto, fondatore dell’associazione Meter e la band DieciperDieci RnS.

10 Piazze per 10 Comandamenti è un progetto del Rinnovamento nello Spirito Santo,  promosso in collaborazione con il Pontificio Consiglio per la Promozione della Nuova Evangelizzazione, sotto l’egida della CEI.

Dopo la tappa di Bari, l’iniziativa proseguirà sino a ottobre nelle piazze di Genova, Cagliari, Firenze, Palermo, Bologna e Torino.

BARI TODAY – 10 Piazze per 10 Comandamenti in piazza Libertà

Fa tappa anche a Bari 10 Piazze per 10 Comandamenti, l’evento nazionale itinerante del Rinnovamento nello Spirito Santo,  promosso in collaborazione con il Pontificio Consiglio per la Promozione della Nuova Evangelizzazione, sotto l’egida della CEI.

L'appuntamento è in piazza  Libertà, con la rilettura del VI comandamento “Non commettere atti impuri”.

L’iniziativa, intende proporre un momento di festa, di coinvolgimento popolare, di spettacolo e di testimonianza di fede. Al centro della serata l’approfondimento di temi emergenti, in cui il corpo è fatto oggetto di “atti impuri” come il  femminicidio, la pedofilia e la prostituzione.

Nella piazza di Bari, a partire dalle ore 20.30, nel corso dello spettacolo condotto da Lorena Bianchetti parteciperanno: mons. Francesco Cacucci, arcivescovo della diocesi di Bari-Bitonto; Salvatore Martinez, presidente nazionale del Rinnovamento nello Spirito; gli attori Remo Girone e Claudia Koll; la cantante Annalisa Minetti, lo psichiatra Alessandro Meluzzi, il giornalista Paolo Brosio, Giovanni Paolo Ramonda, presidente dell’associazione Papa Giovanni XXIII, don Fortunato Di Noto, fondatore dell’associazione Meter e la band DieciperDieci RnS.

Dopo la tappa di Bari, l’iniziativa proseguirà sino a ottobre nelle piazze di Genova, Cagliari, Firenze, Palermo, Bologna e Torino.

PUGLIA LIVE – Il sindaco Emiliano all’evento 10 Piazze per 10 Comandamenti

Domani, sabato 15 giugno, il sindaco Michele Emiliano parteciperà a 10 Piazze per 10 Comandamenti, l’evento nazionale itinerante che dopo Milano fa tappa a Bari, in piazza Libertà, con la rilettura del VI comandamento “Non commettere atti impuri”.

L’iniziativa, intende proporre un momento di festa, di coinvolgimento popolare, di spettacolo e di testimonianza di fede. Al centro della serata l’approfondimento di temi emergenti, in cui il corpo è fatto oggetto di “atti impuri” come il femminicidio, la pedofilia e la prostituzione.

Nella piazza di Bari, a partire dalle ore 20.30, nel corso dello spettacolo condotto da Lorena Bianchetti parteciperanno: mons. Francesco Cacucci, arcivescovo della diocesi di Bari-Bitonto; Salvatore Martinez, presidente nazionale del Rinnovamento nello Spirito; gli attori Remo Girone e Claudia Koll; la cantante Annalisa Minetti, lo psichiatra Alessandro Meluzzi, il giornalista Paolo Brosio, Giovanni Paolo Ramonda, presidente dell’associazione Papa Giovanni XXIII, don Fortunato Di Noto, fondatore dell’associazione Meter e la band DieciperDieci RnS.

10 Piazze per 10 Comandamenti è un progetto del Rinnovamento nello Spirito Santo, promosso in collaborazione con il Pontificio Consiglio per la Promozione della Nuova Evangelizzazione, sotto l’egida della CEI.

Dopo la tappa di Bari, l’iniziativa proseguirà sino a ottobre nelle piazze di Genova, Cagliari, Firenze, Palermo, Bologna e Torino.

Per consentire lo svolgimento della manifestazione “10 piazze per 10 comandamenti, sono state previste le seguenti limitazioni al traffico:

1. dalle ore 5 di venerdì 14 giugno fino alle ore 6 di lunedì 16 giugno e comunque fino al termine delle operazioni di smontaggio delle strutture, è istituito il “DIVIETO DI SOSTA - ZONA RIMOZIONE” sulla piazza della Libertà, lato adiacente piazza Massari;

2. dalle ore 5 sabato 15 giugno fino alle ore 6 di domenica 16 giugno, e comunque fino al termine delle operazioni di smontaggio delle strutture, è istituito il “DIVIETO DI SOSTA - ZONA RIMOZIONE” sulle seguenti strade e piazze:

a. piazza della Libertà, lato adiacente il Palazzo dell’Economia;

b. corso Vittorio Emanuele II, tratto compreso tra via Roberto da Bari e via Cairoli;

3. sabato 15 giugno, dalle ore 14 alle ore 24 e comunque fino al termine delle esigenze, è istituito il “DIVIETO DI SOSTA - ZONA RIMOZIONE”, ambo i lati, sulle seguenti strade:

a. corso Vittorio Emanuele II, tratto compreso tra via Andrea da Bari e via Roberto da Bari;

b. corso A. De Tullio, ambo i lati, tratto compreso tra piazza Massari ed il piazzale mons. Mincuzzi;

c. complanare corso Vittorio Veneto, tratto compreso tra via Caracciolo e via P. Oreste;

4. sabato 15 giugno, dalle ore 15,30 fino al termine della manifestazione, è istituito il “DIVIETO DI TRANSITO” su c.so Vittorio Emanuele II, tratto compreso tra via Andrea da Bari e via Cairoli.

FREE NEWS POS – 10 Piazze per 10 Comandamenti domani a Bari

15 giugno 2013

AVVENIRE – A Bari 10 Piazze per 10 Comandamenti

Tratta delle donne e dei bambini, pedofilia, femminicidio saranno i temi principali della quinta tappa di "10 Piazze per 10 Comandamenti",  il progetto che Rinnovamento nello Spirito Santo, in collaborazione con il Pontificio Consiglio per la nuova evangelizzazione e la Conferenza episcopale italiana, sta portando nelle piazze italiane. Dopo Roma, Verona, Napoli  e Milano, sabato 15 giugno, appuntamento in piazza della Libertà a Bari a partire dalle 20.30.

Al centro dell'incontro una riflessione sul VI Comandamento "Non commettere atti impuri". Si ritroveranno, tra gli Altri, Salvatore Martinez, presidente di Rinnovamento nello Spirito, Francesco Cacucci, arcivescovo di Bari-Bitonto, Giovanni Paolo Ramonda, presidente dell'associazione Papa Giovanni XXIII, don Fortunato Di Noto, fondatore della associazione Meter, e il sindaco di Bari, Michele Emiliano. Alla Serata di riflessione, preghiera e festa parteciperanno, inoltre, personaggi della cultura e dello spettacolo. "10 Piazze per 10 Comandamenti" è il tentativo di «far dialogare Chiesa, Stato e società civile su ciò che può unire credenti, quasi credenti e non credenti attorno a una piattaforma valoriale», ha detto Martinez, presentando a Bari l'appuntamento di sabato.

Atti impuri, ha spiegato, non sono soltanto quelli contro la fedeltà coniugale ma soprattutto quelli che permettono un «uso impuro e improprio del corpo» e che sfociano nella «degenerazione» e nello «sfruttamento del corpo». «Il cristianesimo è la religione del corpo» perché «Dio si è addirittura incarnato e quindi il corpo è una cosa bella» o come dice la Genesi «una cosa molto buona», ha spiegato l'arcivescovo Cacucci. «Questo - ha proseguito - dovrebbe aiutarci a eliminare» quella visione «invalsa nella cultura circa un pessimismo del cristianesimo relativamente al corpo».

Cacucci ha, infine, collegato la piazza di sabato prossimo con quella del Congresso eucaristico nazionale che si tenne a Bari nel 2005: «La dimostrazione della bontà del corpo sta nell'eucaristia, in cui adoriamo il corpo di Cristo».

AVVENIRE – Spettacoli/palinsesti

LA REPUBBLICA–Stelle in piazza Prefettura in una serata tra fede e show

Dieci piazze per dieci comandamenti: l'evento itinerante promosso dal Rinnovamento nello Spirito Santo, fa tappa a Bari, in piazza Libertà, con la rilettura del VI comandamento "Non commettere atti impuri". Dalle 20,30 un momento di festa, coinvolgimento popolare, spettacolo e fede, con l'approfondimento di temi in cui il corpo è fatto oggetto di "atti impuri" come il femminicidio, la pedofilia e la prostituzione. Durante la serata, condotta da Lorena Bianchetti, si alternano sul palco monsignor Francesco Cacucci, Salvatore Martinez, Remo Girone e Claudia Koll, Annalisa Minetti, Alessandro Meluzzi, Paolo Brosio, Giovanni Paolo Ramonda, don Fortunato Di Noto, Michele Emiliano e la band DieciperDieci RnS. Ingresso libero.

LA GAZZETTA DEL MEZZOGIORNO – 10 Piazze per 10 Comandamenti

«10 Piazze per 10 Comandamenti» a Bari Dalle 20.30, «10 Piazze per 10 Comandamenti» fa tappa in piazza della Libertà10 a Bari con il VI comandamento «Non commettere atti impuri». Interverrano, fra gli altri, mons. Francesco Cacucci, Michele Emiliano, Salvatore Martinez, Remo Girone, Claudia Koll, Annalisa Minetti, Alessandro Meluzzi, Paolo Brosio. Conduce Lorena Bianchetti.

LA NAZIONE – Programmazione

10,30Nel cuore dei giorni Arancio 11,40Storie da Lourdes 11,55Angelus da Lourdes 12,20Romanzo familiare 13,20Kojak Telefilm 14,10Terra Santa 15,00La grande musica 15,55La Bibbia nell'arte 16,20Borghi d'Italia 16,55Codice Atlantico 17,35Nel cuore della Domenica 18,00Rosario In diretta da Lourdes 18,30Tg 2000 20,00Rosario da Lourdes (In differita) 20,30Dieci piazze per dieci comandamenti

IL GIORNO – Programmazione

10,30Nel cuore dei giorni Arancio 11,40Storie da Lourdes 11,55Angelus da Lourdes 12,20Romanzo familiare 13,20Kojak Telefilm 14,10Terra Santa 15,00La grande musica 15,55La Bibbia nell'arte 16,20Borghi d'Italia 16,55Codice Atlantico 17,35Nel cuore della Domenica 18,00Rosario In diretta da Lourdes 18,30Tg 2000 20,00Rosario da Lourdes (In differita) 20,30Dieci piazze per dieci comandamenti

IL RESTO DEL CARLINO – Programmazione

10,30Nel cuore dei giorni Arancio 11,40Storie da Lourdes 11,55Angelus da Lourdes 12,20Romanzo familiare 13,20Kojak Telefilm 14,10Terra Santa 15,00La grande musica 15,55La Bibbia nell'arte 16,20Borghi d'Italia 16,55Codice Atlantico 17,35Nel cuore della Domenica 18,00Rosario In diretta da Lourdes 18,30Tg 2000 20,00Rosario da Lourdes (In differita) 20,30Dieci piazze per dieci comandamenti

16 giugno 2013

AVVENIRE–Corpi offesi e venduti: piaga sociale

CREDERE – Il Decalogo in piazza con il Rinnovamento

CORRIERE DEL MEZZOGIORNO – I baresi riflettono sugli atti impuri

«No agli atti impuri» Bari fa il «pienone» con i comandamenti

Tremila in piazza al raduno della Chiesa Martinez: «Siamo venuti qui per proporre»

BARI - Ve l'immaginate una piazza piena di gente a parlare di «atti impuri»? Ve la immaginate all'epoca del sesso dilagante, del sesso inflazionato, del bunga-bunga, del corpo delle donne umiliato, della pubblicità veicolata da allusioni sessuali? Sembrerebbe impossibile pensare una piazza così, invece conviene immaginersela. Anzi, non occorre. Quella piazza c'è stata: il largo della Prefettura di Bari, ieri sera, è stato ordinatamente presidiato per due ore e mezza da tremila persone. Erano state richiamate dalla manifestazione itinerante promossa dal movimento ecclesiale «Rinnovamento nello Spirito». Il titolo della serata è eloquente: «Dieci comandamenti in dieci piazze». Bari è la sesta piazza, toccava trattare il sesto comandamento, «non commettere atti impuri». Otto giorni fa, Milano ha ospitato il quinto («Ricordati di santificare le feste», diecimila in piazza). Prossima tappa è Cagliari, 22 giugno. La peregrinatio di «Rinnovamento», ideata per festeggiare il quarantennale del movimento, finirà a Torino ad ottobre. A Bari è andata in scena la discussione, la riflessione, lo spettacolo, la testimonianza. Tutto guidato dalla conduttrice Lorena Bianchetti e trasmesso in diretta su Sat 2000, la televisione controllata dalla conferenza episcopale. Una lunga teoria di ospiti: il vescovo e il sindaco della città (Francesco Cacucci e Michele Emiliano), due «convertiti famosi» come l'attrice Claudia Koll e il giornalista Paolo Brosio, l'attore Remo Girone, lo psichiatra Alessandro Meluzzi, la cantante Annalisa Minetti, don Fortunato Di Noto (sacerdote impegnato nella lotta alla pedofilia). «Siamo in piazza - dice il presidente di Rinnovamento Salvatore Martinez - per una propositiva rilettura del Decalogo. Non per protestare, ma per proporre». Per discutere, ovviamente, ma non solo (banalmente) di sesso. «Il sesto - dice Martinez - è un comandamento che sembrerebbe dire non fornicare e non commettere adulterio. In realtà l'uso "impuro" del corpo degenera in vere piaghe quali la prostituzione, la pedofilia, il femminicidio». Il biasimo per queste degerazioni riguarda i credenti, i quasi credenti, i non credenti. Lo ha detto Martinez, l'ha ribadito Emiliano. I dieci comandamenti sono «precetti comuni alle tre religioni monoteiste e sono il fondamento di tutte le Costituzioni e gli ordinamenti statali democratici». In altre parole: il decalogo «è il miglior districatore di senso dell'epoca moderna, un sistema segnaletico». Papa Francesco nel video meessaggio che ha inviato alla piazza lo definisce «un codice etico per la costruzione di società giuste». La platea, ordinata e partecipe, si è mobilitata con i canali religiosi. Ma molti baresi (alcuni dei quali dichiaratamente «non praticanti») si sono fermati a guardare e riflettere: sulle testimonianze «famose» di Koll e Brosio, ma anche su quel bellissimo racconto d'amore che è la storia di Pino e Assunta. Coppia calabrese, fallita su un tradimento coniugale, è arrivata al divorzio. Poi si è ricongiunta e si è ricostituita. Ora lui è seriamente malato, lei lo assiste amorevolmente. «Davanti a questo Cristo crocifisso che oggi è Pino per me - dice Assunta - il mio cuore di pietra è divenuto cuore di carne». Monsignor Cacucci, a distanza, commenta: «Il valore della famiglia si impernia su due concetti: la bellezza della sessualità e il superamento dell'egoismo». Girone legge Agostino, Prevert, Gandhi, Kierkegaard. Un'ex prostituta racconta la sua storia. Saluta con video messaggio monsignor Rino Fisichella e poi il papa. «La parola "comandamento" non è di moda - dice Francesco - e all'uomo richiama la volontà di qualcuno che impone limiti ... Ma i comandamenti vengono da Dio, un Dio che ci ha creati e vuole solo il bene dell'uomo». I dieci comandamenti sono «strada di libertà». La strada che porta verso il "comandamento nuovo", quello indicato da Gesù. Non è un divieto, è un imperativo: ama il prossimo come te stesso. Francesco Strippoli

LA GAZZETTA DEL MEZZOGIORNO – Una serata in piazza sul rispetto del corpo

LA GAZZETTA DEL MEZZOGIORNO – “L’amore è un’arte nel rispetto del corpo”

LA REPUBBLICA – Il sesto Comandamento in piazza con la Koll, la Minetti e Girone

L'iniziativa D'Ambrosio Lettieri difende la nomina di Boscia: "Pregiudizi"

«NON commettere atti impuri» è il comandamento scelto per Bari e piazza della Libertà, palcoscenico ieri sera di una tappa dell'evento "10 piazze per 10 comandamenti". Circa duemila le persone ad assistere alla serata, trasmessa in diretta su Tv Sat 2000, l'iniziativa è stata promossa da Rinnovamento nello Spirito Santo, in collaborazione con il Pontificio Consiglio per la nuova evangelizzazione e la Cei. A condurre Lorena Bianchetti fra gli ospiti che si sono alternati sul grande palco allestito in piazza della Libertà c'erano Paolo Brosio, Claudia Koll, Alessandro Meluzzi, Annalisa Minetti e Remo Girone che ha dato il via dando lettura dei Dieci comandamenti. Durante l'evento, poi, ha portato il suo saluto il sindaco Michele Emiliano ed è stato anche trasmesso un videomessaggio di papa Francesco. Mentre, fuori dalla serata, di pregiudizi parla il senatore barese del Pdl, Luigi D'Ambrosio Lettieri, rispetto alla nomina di Filippo Boscia al dipartimento materno-infantile: «Pretestuose, surrealie paradossalmente discriminatorie risultano le levate di scudi delle donne di "Un desiderio in comune" a questa nomina. Ritengo incredibile che si prenda a pretesto la legge 194 - che se applicata in tutte le sue declinazioni, sarebbe un'ottima legge proprio a sostegno delle donne - per dare libera stura a quello che si dimostra con tutta evidenza un insopportabile pregiudizio verso un medico cattolico».

L’ANCORA – In migliaia nell’incontro di piazza promosso dal Rinnovamento nello Spirito Santo

Una serata di festa quella vissuta ieri, a Bari, nell’ambito dell’iniziativa “10 piazze per dieci comandamenti” organizzata dal Rinnovamento nello Spirito Santo in collaborazione con il Pontificio consiglio per la promozione della nuova evangelizzazione e la Cei. Tante le famiglie intervenute, tanti i bambini, tante le coppie di giovani arrivate da ogni parte della Puglia.

Hanno voluto partecipare a questo momento dedicato a Dio, nella riflessione sul sesto comandamento: “Non commettere atti impuri”.

Molti gli ospiti della serata da Claudia Koll a Paolo Brosio, da Salvatore Martinez, presidente nazionale del Rinnovamento nello Spirito Santo, allo psichiatra Alessandro Meluzzi, inframezzati dal videomessaggio del Santo Padre. Impossibile non essere colpiti dagli sguardi e dalle parole di chi è intervenuto sul palco, impossibile per loro non lasciarsi abbandonare al proprio cuore e alla propria esperienza spirituale.

L’apertura all’amore. L’amore è il punto su cui si concentra monsignor Francesco Cacucci, arcivescovo di Bari e presidente della Conferenza episcopale pugliese: “Bisogna leggere il sesto comandamento in una formulazione positiva: abbi capacità di essere fedele e limpido. La fedeltà è il segno di un amore totale. La castità, invece, è un segno di amore che si apre nell’offerta di sé che non si chiude ad un egoistico istinto. Attraverso la castità si cresce nell’amore. Quest’arte di amare ci permette di guardare al futuro con fiducia, è l’accettazione dell’amore, dell’amore di Dio che ci rende felici”. E ciò che dice mons. Cacucci si ricollega al discorso di mons. Rino Fisichella, presidente del Dicastero per la Promozione della Nuova Evangelizzazione, in un video messaggio: “Quest’evento è in tutto e per tutto l’esperienza della nuova evangelizzazione. Perché si è scelta la piazza? Perché è il luogo di aggregazione dove possiamo ricordare Dio. É un momento per domandarci chi siamo. Tanti sono in ricerca di Dio e di giustizia e libertà, il nostro compito è ricordarci dell’amore di Dio, di riempirci del desiderio di essere un popolo solo anche col fine di costruire un mondo migliore. Solo l’amore dà senso alla vita”.

Le testimonianze. Numerose sono state le testimonianze. Tra le tante ha particolarmente colpito quella di Claudia Koll che ha rivelato come “il Signore ha risvegliato la mia coscienza attraverso le cose che mi accadevano ogni giorno e che mi mettevano in discussione”. Ma è stato un momento non facile, dove però, dice la Koll, “interviene Gesù. Dopotutto è Gesù stesso che dice che senza di lui non possiamo fare nulla. Il rapporto con il mio corpo è cambiato, ho cominciato a capire che il mio corpo è un tempio sacro”. Anche il sindaco di Bari, Michele Emiliano, ha voluto partecipare a questo momento di festa puntando l’attenzione sulla libertà: “Questo evento deve dare un significato alla parola libertà. Questa deve essere vissuta e non solo convissuta. Bastano delle semplici regole per volerci bene sul serio. Quando si cerca l’altro per quello che è, la presenza dell’altro viene vissuta davvero e i 10 comandamenti esprimono valori condivisi da tutti e da tutte le costituzioni”.

La strada per la libertà. I dieci comandamenti sono un dono di Dio, afferma il Santo Padre in un video messaggio donato alla piazza di Bari. “Il comandamento non è una imposizione, questi vengono da Dio che ci ha creati per amore, un Dio che vuole solo il bene dell’uomo, fidiamoci di lui!. I dieci comandamenti ci indicano una strada da percorrere. Quante diseguaglianze nel mondo! Quante povertà vengono dal rifiuto di Dio! I dieci comandamenti indicano una strada per la libertà. Dobbiamo vedere i comandamenti come indicazione della libertà. Essi ci aiutano a fuggire dalla schiavitù di tanti idoli che non fanno altro che allontanarci dal Signore. I comandamenti ci portano a rispettare le persone, a custodire l’intera creazione del Signore che ci ha donato. Seguire i dieci comandamenti significa essere fedeli a noi stessi. I dieci comandamenti sono una legge di amore. La vera libertà non è seguire il nostro egoismo, ma quella di amare. I dieci comandamenti non sono un no a qualcosa, non sono un divieto, ma un sì all’amore! E il sì all’amore ci fa dire no al male. Il no diventa solo una conseguenza del sì”.

Un comandamento scomodo. “Questo comandamento è quanto mai straordinariamente attuale”. Lo afferma Salvatore Martinez, presidente nazionale del Rinnovamento nello Spirito Santo. “Quello che approfondiamo stasera a Bari è un comandamento scomodo. Nella nostra accezione, nel parlato moderno, nel significato che gli vogliamo dare sembrerebbe indicare soltanto ‘non commettere adulterio e non fornicare’ in realtà, l’uso ‘impuro del corpo’ si estende anche a quelle prassi improprie che degenerano spesso in vere piaghe sociali, quali la prostituzione, la pedofilia, il femminicidio, la tratta delle persone, l’affamare i corpi degli ultimi del mondo. Ma non è così, il sesto comandamento dice di amare sé stessi e gli altri per amare Dio”.

17 giugno 2013

CORRIERE DEL MEZZOGIORNO – No agli atti impuri, Bari fa il pienone con i Comandamenti

BARI — Ve l’immaginate una piazza piena di gente a parlare di «atti impuri»? Ve la immaginate all’epoca del sesso dilagante, del sesso inflazionato, del bunga-bunga, del corpo delle donne umiliato, della pubblicità veicolata da allusioni sessuali? Sembrerebbe impossibile pensare una piazza così, invece conviene immaginersela. Anzi, non occorre. Quella piazza c’è stata: il largo della Prefettura di Bari, ieri sera, è stato ordinatamente presidiato per due ore e mezza da tremila persone. Erano state richiamate dalla manifestazione itinerante promossa dal movimento ecclesiale «Rinnovamento nello Spirito». Il titolo della serata è eloquente: «Dieci comandamenti in dieci piazze». Bari è la sesta piazza, toccava trattare il sesto comandamento, «non commettere atti impuri». Otto giorni fa, Milano ha ospitato il quinto («Ricordati di santificare le feste», diecimila in piazza). Prossima tappa è Cagliari, 22 giugno. La peregrinatio di «Rinnovamento», ideata per festeggiare il quarantennale del movimento, finirà a Torino ad ottobre.

23giugno 2013

CREDERE – In 10mila a Bari con Claudia Koll